Benvenuto al Nuovo Blog di Rosellina!

Benvenuti nel mio blog! Lasciate i vostri commenti, sarò felice di rispondervi!!!

lunedì 17 dicembre 2012

Storia del presepe e dell'albero di Natale


Storia del presepe

              



La parola presepe deriva dal latino “Praesepe “ che significava letteralmente stalla, mangiatoia e rappresenta una raffigurazione rievocativa e realistica della natività di Gesù. La prima ricostruzione della scena del presepe si attribuisce a S. Francesco nel 1223. La consuetudine di allestire presepi nelle chiese si diffuse nel 1400 a partire dal Regno di Napoli, allargandosi in seguito in tutto il meridione. Intorno al 1500 nasce la cultura del presepe popolare ad opera di S. Gaetano di Thiene il quale diede un decisivo impulso all’ammissione di personaggi secondari vestiti sia secondo le fogge antiche sia dell’epoca a lui coeva. La nascita del “Figurinaio”, cioè del creatore di statuette avviene sotto il regno di Carlo III . La tradizione presepistica siciliana predilige l’utilizzo della terracotta come materiale per la realizzazione di presepi i quali vengono ormai riconosciuti come vere e proprie opere d’arte.


Storia dell'albero di Natale






In un remoto villaggio di campagna, la Vigilia di Natale, un bambino si recò nel bosco alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino, come voleva la tradizione, nella notte Santa. 
Si attardò più del previsto e, sopraggiunta l'oscurità, non seppe ritrovare la strada per tornare a casa. Per giunta incominciò a cadere una fitta nevicata. 
Il bimbo si sentì assalire dall'angoscia e pensò a come, nei mesi precedenti, aveva atteso quel Natale, che forse non avrebbe potuto festeggiare.
Nel bosco, ormai spoglio di foglie, vide un albero ancora verdeggiante e si riparò dalla neve sotto di esso: era un abete.
Sopraggiunta una grande stanchezza, il piccolo si addormentò raggomitolandosi ai piedi del tronco e l'albero, intenerito, abbassò i suoi rami fino a far loro toccare il suolo in modo da formare come una capanna che proteggesse dalla neve e dal freddo il bambino.
La mattina si svegliò, sentì in lontananza le voci degli abitanti del villaggio che si erano messi alla sua ricerca e, uscito dal suo ricovero, poté con grande gioia riabbracciare i suoi compaesani. 
Solo allora tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che si presentava davanti ai loro occhi: la neve caduta nella notte, posandosi sui rami frondosi, che la piana aveva piegato fino a terra. Aveva formato dei festoni, delle decorazioni e dei cristalli che, alla luce del sole che stava sorgendo, sembravano luci sfavillanti, di uno splendore incomparabile.

In ricordo di quel fatto, l'abete venne adottato a simbolo del Natale e da allora in tutte le case viene addobbato ed illuminato, quasi per riprodurre lo spettacolo che gli abitanti del piccolo villaggio videro in quel lontano giorno. 
Da quello stesso giorno gli abeti nelle foreste hanno mantenuto, inoltre, la caratteristica di avere i rami pendenti verso terra. 

sabato 15 dicembre 2012

Leggenda del panettone e del pandoro


La leggenda del Panettone



Si narra che alla vigilia di Natale, nella corte del Duca Ludovico il Moro, Signore di Milano, si tenne un gran pranzo.
Per quell’occasione il capo della cucina aveva predisposto un dolce particolare, degno di chiudere con successo il fastoso banchetto. Accortosi che il dolce era bruciato durante la cottura, il panico colse l'intera cucina. Per rimediare alla mancanza, uno sguattero della cucina, detto Toni, propose un dolce che aveva preparato per sé, usando degli ingredienti che aveva trovato a disposizione tra gli avanzi della precedente preparazione.
Il capo cuoco, non avendo altro da scegliere, decise di rischiare il tutto per tutto, servendo l'unico dolce che aveva a disposizione. Un "pane dolce" inconsueto fu presentato agli invitati del Duca, profumato di frutta candita e burro, con una cupola ben brunita, fu accolto da fragorosi applausi e, in un istante, andò a ruba. Un coro di lodi si levò unanime e gli ospiti chiesero al padrone di conoscere il nome e l’autore di questo straordinario pane dolce. Toni si fece avanti dicendo di non avergli ancora dato nessun nome.
Il Duca allora lo battezzò con il nome del suo creatore e da quel momento tutti mangiano e festeggiano con il "pan del Toni", ossia il panettone, famoso ormai in tutto il mondo.

                                            Storia del Pandoro


Oggi il Pandoro contende la leadership del dolce natalizio al meneghino Panettone. È sicuramente divenuto, a detta di molti, il dolce di Natale per antonomasia. Il suo nome deriva, molto probabilmente, dal caratteristico colore giallo oro del suo impasto.
Del Pandoro si comincia ad aver traccia verso la fine dell’800, anche se notizie sulla sua leggenda hanno origini molto lontane. Se i più incalliti esterofili lo fanno il parente italiano della nobile brioche francese (nobile perché per più di 300 anni è stato il dessert delle corti d’oltralpe), di certo è che la sua origine è tutta veneta e molto probabilmente rinascimentale. Sembra infatti, che nelle aristocratiche cucine della Repubblica Veneta del ‘700 si producesse un dolce a forma conica chiamato “Pan de Oro”. Gli amanti e nostalgici del Regno Austroungarico di Franz Josef sostengono a loro volta che l’origine del Pandoro non sia altro che la rivisitazione del “Pane di Vienna”. Forse, fra le varie versioni della nascita del biondo Pandoro, la più attendibile è quella austroungarica. Infatti, nel 1800 i pasticceri più rinomati, sopratutto nel lombardo-veneto, erano quelli austriaci. Tant’è che nella nostra città ve ne era un numero considerevole nelle pasticcerie del centro cittadino. Molto probabilmente i raffinati pasticceri viennesi avevano conosciuto il “Nadalin”, un dolce a forma di stella che veniva consumato appunto a Natale. Il suo aspetto era, come abbiamo già detto, a forma di stella, decorato nella parte superiore con dadetti di dolce secco, zucchero, pinoli e liquore all’anice.
Quindi grazie un po’ alla leggenda, grazie un po’ alla realtà, sta di fatto che il Pandoro troneggia sul desco di tutte le famiglie veronesi, e del resto d’Italia, nella festa più bella dell’anno: il Natale.
Personalmente piace il pandoro e voi? Cosa vi preferite, il panettone o il pandoro?

sabato 24 novembre 2012

Sono tornata... Da quanto tempo!!!

Ciao amiche di blog! Da quanto tempo che non scrivo, vero?
Come sapete sono una mamma di un bellissimo bambino, che adesso ha 15 mesi, eh già, come cresce! Sembra ieri di aver partorito e di aver portato a casa il nuovo membro della famiglia. Ancora non parla però sta iniziando a camminare, noi genitori siamo apprensivi e non vediamo l'ora che inizi a camminare e a parlare però bisogna avere pazienza, arriverà il suo momento. Il fatto è che, chi è mamma mi può capire, non sappia parlare ancora in parte è angosciante perché non sai se gli fa male qualcosa, piange e non sai cosa vuole. Se iniziasse a dire almeno qualche parolina sarebbe comodo per noi, magari lui vorrebbe parlare ma non ci riesce, povero piccolo! Comunque lo stiamo stimolando, gli abbiamo comprato un libricino con figure e i numeri, poi gli facciamo i versi degli animali, lui a volte prova ad imitarci ma poco. Ad ogni modo, è bello quando gli dici di battere le manine e lui contento lo fa, oppure gli chiedi un bacino e lui si avvicina con la bocca, è troppo dolce!
Vedo che voi state aggiornando i vostri blog, spero di farlo anch'io, di scrivere altri post oltre a questo, spero anche di venirvi a trovare e lasciare un commento.
Si avvicina il Natale, voi vi state preparando? Io per niente, come al solito mi ridurrò all'ultimo momento, pazienza!
Allora a presto e buon week-end a tutti!!!

venerdì 11 maggio 2012

Gabriele compie nove mesi!!!

Ciao a tutte ragazze, è parecchio che non aggiorno il mio blog. Ne approfitto oggi per dirvi che il mio cucciolotto oggi compie nove mesi, come sta crescendo! Gli è anche spuntato il suo primo dentino! Metterò una foto dove l'abbiamo scattata 2 sabati fa in una pizzeria, abbiamo passato tutta la giornata a Milano, era una splendida giornata, come lo sono in questi giorni. Peccato che sabato sera peggiorerà ma domani vorremo di nuovo andare a Milano tutti e tre, ovviamente torneremo a casa prima che cambia il tempo. 


Ecco la foto, secondo voi a chi somiglia? :-)





                         Buon fine settimana a tutti!!!!!!!

martedì 6 marzo 2012

Premio!

Oggi voglio mostrarvi un premio che ho ricevuto da parte della mia cara amica Isa (http://isa-magicomondo.blogspot.com/), premio da far girare ad altri 5 amici bloggers che hanno meno di 200 followers. I pochi amici bloggers che ho io sono molto seguiti e hanno parecchi amici ma io voglio ugualmente passare questo premio come mi è stato regalato a me, ringraziando ancora la mia cara amica.


Il premio è questo: 




e voglio donarlo a:

Spero tanto che questo premio farà loro piacere!
                         

domenica 26 febbraio 2012

Parola d'ordine: Solidarietà. Arriva l'IBAN per le donazioni



Vuoi sostenere concretamente il presidio dei lavoratori licenziati dei treni notte ma non sai come fare? 

Non abiti a Milano e ti è difficile recapitare legna e pacchi di sussistenza?

Binario 21 chiama Italia, in collaborazione con Banca Etica, avvia la campagna di raccolta fondi a sostegno dei lavoratori licenziati dei treni notte in presidio da oltre due mesi sulla Torre Faro e sulla pensilina sottostante alla Stazione centrale di Milano.

Le donazioni possono essere effettuate tramite bonifico bancario su

conto corrente n. 000000142521 presso Banca Popolare Etica
IBAN: IT 23 F 05018 01600 000000142521 
codice BIC: CCR TIT 2T84A
intestato a Binario 21 chiama Italia - Via Popoli Uniti, 21 - 20125 Milano
causale: "Binario 21 chiama Italia - donazione"

Vi chiediamo di inviare copia della ricevuta via mail abinario21chiamaitalia@gmail.com

Le donazioni ricevute verranno rese pubbliche con aggiornamento periodico e costante su questa pagina (per la salvaguardia della privacy, inseriremo solo l'iniziale del cognome, seguita dal nome di battesimo e dall'importo della donazione)

Grazie a tutti!

SIAMO TUTTI SULLA TORRE. VINCIAMO NOI.

mercoledì 15 febbraio 2012

Treni notte!

Ieri sera a Sanremo, Adriano Celentano ha parlato di tante cose, criticato, e ha parlato dei treni notte. Per chi lo sa, dall'11 dicembre 2011 sono stati licenziati 800 persone che lavoravano presso una compagnia privata di treni notturni, quelli a lunga percorrenza, e dall'8 dicembre tre di loro sono saliti sulla torre faro della stazione centrale di Milano, al freddo e al gelo. Alcune settimane fa due di loro sono scesi per dei malori, ora stanno bene e continuano la lotta stando sotto la torre. Ne era rimasto solo uno ma pochi giorni fa è salito un altro, continuando il presidio, lottando affinchè ci sia un tavolo tecnico nazionale, per ripristinare i treni notturni, treni che univano il nord con il sud. Persone che sono emigrate al nord, prendevano questi treni per andare a trovare i loro cari al sud, cosa che ora non possono più fare. Per farlo devono prendere un treno Alta Velocità da Milano fino a Bologna e lì cambiare e prendere un altro treno.
Si spera che tutto torni come prima, che gli 800 lavoratori tornino a lavorare, che tutti loro possano tornare ad essere felici insieme alle loro famiglie, che in questo periodo stanno vivendo un periodo difficile.
Fino ad ora non è cambiato nulla, spero che succeda qualcosa, e che quest'Italia migliori, soprattutto per tutte quelle persone che sono senza lavoro.

lunedì 13 febbraio 2012

Gabriele ha 6 mesi!!!

Ciao a tutte! Il mio piccolino sabato ha compiuto sei mesi! Mamma mia, come cresce! Volevo fare un dolcino, visto che è a metà del suo percorso verso il compimento dell'anno, ad agosto compirà un anno, però non ho avuto tempo, magari farò qualcosa più in là e naturalmente ve lo farò vedere!
Un mese fa ha cominciato lo svezzamento e per adesso non mi da problemi, mangia tutto, spero anche in futuro!

venerdì 10 febbraio 2012

Il mondo del web!

Chi ormai non sa usare un computer? Ne esistono parecchi, quelli fissi, con monitor, tower, tastiera, casse tipo stereo(non mi ricordo come si chiamano); 


poi ci sono i Notebook, i computer portatili, funzionano sia con la corrente o con la batteria e poi i netbook, i pc portatili più piccoli. 


Ogni uno di questi ha un sistema operativo, personalmente mi trovo bene con Google Chrome. Non sono una patita del web ma so navigare, cercare immagini, argomenti che mi interessano, sul web si può cercare di tutto! Si può leggere il giornale, aprire un proprio sito o un blog, come ho fatto io.
Ultimamente non spendo molte ore al pc perché ho Gabriele che mi occupa tempo ma appena posso accendo il pc e butto giù due parole, guardo FB, scrivo qualcosa ad alcuni amici; sono brava anche ad usare il pacchetto Office, sicuramente sapete cos'è, tra i suoi 5 componenti, sono brava nel Microsoft Word, in alcuni corsi che ho fatto mi è rimasto impresso qualcosa di Microsoft Power Point e Microsoft Excel. Power Point non lo uso mai ma Excel mi è capitato di usarlo ogni tanto e devo dire che è un programma molto utile!!!
Voi che dite, potrò intraprendere una carriera? 

mercoledì 8 febbraio 2012

Neve e gelo!

In questi ultimi giorni è caduta parecchia neve, in tutta Italia, dove è caduta troppa e dove poca. Ma il vero pericolo è il freddo, che quest'anno è davvero "gelato"! 
Ho visto dei servizi ai TG, immagini spettacolari ma anche drammatiche, dove molte persone sono rimaste bloccate nelle proprie abitazioni proprio dalla neve, per non parlare dei tubi dell'acqua ghiacciati, gente che è rimasta senz'acqua. 
Abbiamo visto Roma che è rimasta letteralmente bloccata dalla neve; polemiche e critiche della quale ci si poteva organizzare meglio.


Ma questo tempo come sarà? Dovremo aspettarci catastrofi naturali o potremo goderci in serenità gli spettacoli che ci offre la natura?

mercoledì 4 gennaio 2012

Rieccomi!!!

Ciao a tutte, eccomi tornata! In realtà non sono mai andata via, entravo sempre nel blog e non lo mai aggiornato però visitavo i vostri che sono sempre belli. Chi per le feste si è presa una vacanza, chi continua ad aggiornare il suo blog. Io nell'uno e nell'altro. Io e mio marito siamo rimasti a Rho per le feste di Natale, un po' perché Gabriele è ancora piccolo e ho paura che potrebbe ammalarsi, poi non stiamo passando un bel periodo. L'unica nostra gioia è il nostro Gabriele, che con i suoi sorrisi e gridolini ci mantiene allegri!
Ma basta con queste sdolcinate! E' da un p0' che non metto foto di qualche nuova ricetta e quindi vorrei farvi vedere l'ultimo piatto che ho fatto. E' una ricetta siciliana, piatto molto buono e squisito!

                                    Sarde alla Beccafico


Il ripieno lo un po' cambiato ma il piatto era comunque buonissimo, le sarde si scioglievano in bocca! Davvero da rifare!!! La ricetta la potete trovare su internet.

                            Ciao e buone fatte e feste!